Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

borse europee in calo, paura per la spagna – lo scarparo vende quote e tod’s crolla dell’8,92% – governo liberista de che? italia sempre più tar-tassata – citycar elettrica, maccagnani si compra una pagina del “corriere” per invitare il banana – merkel: non abbandoneremo nessuno – barroso: leader primedonne rovinano l’euro – terna: 2010 in crescita – linee guida e nuovi manager per unicredit – piccoli azionisti telecom contro deloitte – romani proroga i limiti agli editori


Lettera pubblica di Stefano Maccagnani a Berlusconi sul Corriere

1 BORSA: MILANO CHIUDE PESANTE SU TIMORI SPAGNA, MALE LE BANCHE – FTSE ALL SHARE -1,32%, FTSE MIB -1,44%
Radiocor – Piazza Affari archivia una seduta difficile, indirizzata al ribasso dai timori di un downgrade del rating spagnolo da parte di Moody’s. Il Ftse All Share ha lasciato sul terreno l’1,32% e il Ftse Mib l’1,44%. Pesanti le banche, mentre ha resistito alle vendite Fiat. Giu’ Tod’s (-8,92%) dopo la cessione sul mercato di una quota del 10% del capitale da parte della famiglia Della Valle.

2 BORSE EUROPEE: CHIUDONO IN CALO DOPO WARNING MOODY’S SU SPAGNA…
(AGI) – Le borse europee chiudono in calo dopo aver ridotto le perdite sulla scia dell’avvio positivo di Wall Street. A penalizzare i listini europei e’ stato fin dall’inizio della seduta l’avvertimento di Moody’s su un possibile taglio del rating della Spagna. I piu’ colpiti i titoli bancari.

DIEGO DELLA VALLE


L’indice Ftse 100 a Londra cede lo 0,15% a quota 5.882,18 punti, il Cac 40 di Parigi arretra dello 0,58% a 3.880,19 e il Dax 30 di Francoforte registra una flessione dello 0,16% a 7.016, 37 punti. Tra i peggiori l’Ftse Mib che a piazza Affari lascia sul terreno l’1,44% a 20.410,27 punti, l’Ibex di Madrid che perde l’1,50% a 10.009,8 punti, lo Psi di Lisbona che arretra dell’1,01% a 7.889,43 punti. L’Iseq di Dublino registra un -0,10%.

merkel

3 TOD’S: MEDIOBANCA, COMPLETATO COLLOCAMENTO QUOTA 10% A 76 EURO PER AZIONE…
(Adnkronos) – Mediobanca comunica di aver concluso oggi il collocamento di 3.060.000 azioni ordinarie Tod’s (pari a circa il 10% del capitale sociale ordinario), attraverso un ‘Accelerated Bookbuilt Offer’, presso investitori istituzionali italiani ed esteri, a un prezzo di 76 euro per azione. Le azioni oggetto del collocamento sono offerte per il 6,08% da Diego Della Valle & C. Sapa, per l’1,96% da Diego Della Valle e per l’1,96% da Andrea Della Valle. E’ previsto che il regolamento dell’operazione avvenga il prossimo 20 dicembre 2010.

barroso

4 FISCO: OCSE, ITALIA AL 43,5% PIL, TERZO POSTO TRA INDUSTRIALIZZATI…
Radiocor – Italia a livelli scandinavi, ma solo per la pressione del fisco. Le entrate da tasse nel 2009 nella Penisola hanno raggiunto il 43,5% de l Pil, in aumento dal 43,3% del 2008 e dal 43,4% del 2007, in base ai dati provvisori diffusi oggi dall’Ocse. Solo in Danimarca (48,2%) e in Svezia (46,4%), il fisco ha la mano piu’ pesante. Lo scorso anno le tasse su redditi e profitti in Italia sono state pari al 14,2% del Pil, in calo dal 14,9% del 2008 e dal 14,6% del 2007.


Flavio Cattaneo

5 OCCUPAZIONE: OCSE, ITALIA PENULTIMA PER LAVORO GIOVANILE…
Radiocor – Italia fanalino di coda tra i Paesi industrializzati per il lavoro giovanile: nel 2009 il tasso di occupazione nella fascia d’eta’ 15-24 anni era del 21,7% contro la media Ocse del 40,2%. Solo l’Ungheria ha un tasso inferiore (18,1%). Non solo – come indica un rapporto dell’Ocse diffuso oggi – lo scorso anno il tasso di disoccupazione tra i giovani in Italia era tra i piu’ elevati dell’area, raggiungendo il 25,4% (media Ocse 18%), il lavoro temporaneo riguardava il 44,4% dei giovani occupati (contro il 26,2% nel 1999 e contro una media Ocse del 35,8%) e il tasso dei ne’-al-lavoro-ne’-a-scuola era del 15,9% (10,9% Ocse).

Come sottolinea lo studio: la Penisola ha anche il minor tasso di occupati tra i giovani laureati e presumibilmente la maggior percentuale di giovani ‘falsi autonomi’. Nel 2008 circa il 10% dei giovani occupati italiani risultava infatti autonomo ma senza dipendenti, contro una media del 3% nell’Unione Europea.

FEDERICO GHIZZONI

6 CRISI: MERKEL, NON ABBANDONEREMO NESSUNO, EURO STABILE E RESISTENTE…
Radiocor – E’ ‘indubbio’ che alcuni Paesi europei si trovano di fronte sfide portentose ma ‘e’ altrettando indubbio che l’euro si e’ dimostrato re sistente alle crisi’. Lo ha detto il cancelliere tedesco, Angela Merkel, alla vigilia del vertice dei Capi di Stato e di Governo europei a Bruxelles, aggiungendo che la valuta europea e’ ‘stabile’ a livello di valore interno ed esterno all’Eurozona.

Fabrizio Palenzona

‘Nessun Paese europeo sara’ abbandonato al proprio destino dai partner’, ha assicurato il Cancelliere tedesco, spiegando che il nuovo meccanismo anticrisi che partira’ nel 2013 ‘e’ irrinunciabile per il futuro dell’euro’ e che l’aiuto finanziario dovra’ essere considerato anche in futuro solo ‘come ultima spiaggia’. Il meccanismo, al quale si potra’ fare ricorso a condizioni molto severe, ‘portera’ piu’ sicurezza’. L’Unione europea ‘ha attraversato la crisi piu’ dura’ con le difficolta’ dell’euro: ‘doveva resistere e ce l’ha fatta’.

cxri29 raffaele fitto mo

7 EURO: BARROSO, NO A CONCORSO BELLEZZA TRA LEADER, MANDARE SEGNALE UNITA’…
(Adnkronos) – Quello di cui ha bisogno l’Europa in questi giorni non e’ “un concorso di bellezza tra leader, una cacofonia di differenti scenari o annunci che non sono seguiti da azioni”. Piuttosto, l’Ue “deve dimostrare di essere in grado di controllare gli eventi”. Alla vigilia del vertice dei capi di Stato e di governo che dovra’ prendere decisioni importanti sulla stabilita’ dell’area euro, il presidente della Commissione europea Jose Manuel Durao Barroso rinnova il suo appello ai 27 perche’ “parlino con una sola voce ed agiscano in modo unitario”.

8 ARRIVA BELUMBURY, L’AUTO MADE IN ITALY…
Bianca Carretto per il “Corriere della Sera” – Stefano Maccagnani, esperto nel campo dell’elettronica, della meccanica e della difesa militare, ha creato una società per il settore automotive, Belumbury, che a dispetto del nome, è una casa automobilistica tutta italiana. È stato presidente ed amministratore delegato della Simmel Difesa, ex società di Fiat, nel 2008 è entrato a far parte del gruppo Cai, Compagnia aerea italiana, che ha acquisito l’Alitalia.


y lr28 danilo coppola

La Belumbury, che ha sede nell’area metropolitana di Roma, presenta il suo primo modello di auto, battezzata Dany, una city car lunga poco più di 3 metri, in due versioni, a benzina ed elettrica. L’obiettivo di questa nuova realtà industriale- è stato stanziato un investimento iniziale di circa 14 milioni di euro – prevede lo sviluppo della ricerca scientifica, della creatività e del design made in Italy, con l’intervento dell’Università di Camerino. La Dany, tre porte e quattro posti, rientra nella categoria del quadriciclo pesante. La Belumbury si avvale della consulenza di Italia Design.

9 E STEFANO MACCAGNANI SI COMPRA UNA PAGINA DEL “CORRIERE DELLA SERA-ROMA” PER INVITARE IL BANANA APPENA “FIDUCIATO” AL LANCIO DELLA CITYCAR, CHE SI SVOLGERà ALL’ARA PACIS DALLE 19 DI DOMANI…

PAOLO ROMANI

“Presidente Berlusconi
Sono lieto di annunciare, in questo clima di rinnovata fiducia che Lei ha ricevuto dal Parlamento, la nascita di Belumbury Dany, un nuovo veicolo che mira a migliorare la circolazione nelle strade del nostro paese, in particolare nelle città, dove l’ecologia e la qualità della vita hanno un ruolo sempre più importante. Quale giovane imprenditore colgo questa fortunata coincidenza per esprimerLe la mia personale soddisfazione per questa nuova iniziativa, segno della volontà di continuare a credere ed ad impegnarsi per una pronta ripresa dell’economia del nostro Paese come da Lei sempre fortemente sostenuto. Il mio maggior onore ed orgoglio è rappresentato dall’invito alla presentazione che pubblicamente le rivolgo per domani 16 Dicembre quando sarà presentato questo nuovo prodotto del made in Italy”
Firma autografa di Stefano Maccagnini, Presidente Belumbury SPA

10 TERNA: CATTANEO, RISULTATI 2010 MIGLIORI DI 2009…
(Adnkronos) – “I risultati 2010 saranno migliori dell’anno scorso a perimetro costante di rete esclusi gli eventi straordinari”. Ad affermarlo a margine della presentazione del libro ‘Kami, la missione dell’energia’, e’ l’amministratore delegato di Terna Flavio Cattaneo.

11 UNICREDIT: CDA APPROVA LINEE GUIDA STRATEGICHE
(Adnkronos) – Il consiglio di amministrazione di Unicredit ha approvato le linee guida strategiche del gruppo, che dovrebbero essere presentate alla comunita’ finanziaria entro la prossima estate. Lo comunica il gruppo di Piazza Cordusio.

Quattro le direttrici delle linee guida strategiche del gruppo. La prima, si spiega dall’istituto di Piazza Cordusio, e’ la “conferma della solida piattaforma strategica del gruppo, unica in Europa”. Poi c’e’ la valorizzazione del posizionamento internazionale a beneficio di clienti e territori, la gestione attiva dell’allocazione del capitale a favore delle aree a maggiore ritorno atteso e il recupero di redditivita’ ed efficienza e semplificazione organizzativa. Le linee guida strategiche, si spiega da Unicredit, “si prevede saranno presentate alla comunita’ finanziaria entro la prossima estate”.

12 UNICREDIT: CDA NOMINA QUATTRO MANAGER INTERNI…
(Adnkronos) – Il consiglio di amministrazione di Unicredit ha nominato i nuovi responsabili delle divisioni Cee, Famiglie e Pmi, Famiglie e Pmi Rete Italia e della direzione Risorse Umane. Lo comunica l’istituto. Per la posizione di responsabile Divisione Cee, coperta fino alla sua nomina ad amministratore delegato da Federico Ghizzoni, e’ stato nominato Gianni Franco Papa, che riporta al direttore generale.

PIERO GNUDI


La nuova posizione di responsabile Divisione Famiglie e Pmi, la cui costituzione e’ stata proposta oggi al cda, sara’ ricoperta da Alessandro Maria Decio, a diretto riporto del direttore generale. Il consiglio ha inoltre nominato Frederik Geertman alla carica di responsabile Famiglie e Pmi Rete Italia, posizione fino ad ora coperta ad interim da Gabriele Piccini, country chairman Italia, che si focalizzera’ completamente nel suo ruolo primario.

Paolo Cornetta e’ stato nominato responsabile Risorse Umane del gruppo in sostituzione di Rino Piazzolla che lascera’ UniCredit nelle prossime settimane. Inoltre Giuseppe Scognamiglio e’ stato nominato responsabile Institutional and Regulatory Strategic Advisory, in sostituzione di Carmine Lamanda.

13 UNICREDIT: CON APM TERMINALS 1 MLD PER PIATTAFORMA TRIESTE-MONFALCONE…
(Adnkronos) – Una piattaforma portuale e infrastrutturale nell’area di Trieste e Monfalcone per intercettare il traffico dei container dal Mediterraneo verso il Nord Est dell’Europa, la Baviera e l’Austria con risparmi fino a 9 giorni di viaggio rispetto ai porti del Nord Europa. Si tratta di un grande progetto da un miliardo di euro che puntera’ a movimentare inizialmente 350.000 Teu, nel 2016, nel primo anno di operativita’ fino a 3,2 miliardi di Teu entro il 2033.

A realizzare il progetto, destinato a rilanciare il sistema portuale italiano, e che prevede infrastrutture viarie e ferroviare sono il gruppo Unicredit e Apm Terminals (Gruppo Moler Maersk) con una partecipazione di finanziamenti pubblici. Il progetto oggi e’ stato presentato a Roma dal ministro degli Esteri Franco Frattini e dall’ad di Unicredit Federico Ghizzoni, nel corso di una conferenza stampa alla Farnesina, cui hanno partecipato anche il ministro degli Affari regionali Raffaele Fitto, il responsabile Corporate e Investment Banking Italia di Unicredit, Piergiorgio Peluso, il presidente del Friuli Venezia Giulia Renzo Tondo, era presente anche l’ad di Fs Mauro Moretti.

14 BANCA SUD: GHIZZONI, PROSEGUONO NEGOZIAZIONI CON POSTE SU MCC…
(Adnkronos) – Unicredit ‘prosegue le negoziazioni con Poste Italiane’ sulla cessione del Medio Credito Centrale. L’ad della banca di Piazza Cordusio, Federico Ghizzoni, ha spiegato come sul tema ‘e’ stato dato un mandato dal Cda, che non ha un termine, per proseguire le negoziazioni’.

FRANCO BERNABE

15 TELECOM: ASATI SOLLEVA DUBBI SU COMPLETEZZA RAPPORTO DELOITTE…
(Adnkronos) – Franco Lombardi, presidente dell’Asati, l’associazione dei piccoli azionisti di Telecom Italia, solleva dubbi sul rapporto Doloitte, sulle possibili anomalie avvenute sotto la precedente gestione, che verra’ valutato nel prossimo cda del gruppo.

Laddove il rapporto Deloitte “si limitasse solo alle sim false, alle vendite anomale dei servizi premium e terminali, a Telecom Italia Sparkle e a non ben definite vicende security , senza prendere in esame da un lato i fatti gravi accaduti nel periodo agosto 2001-agosto 2003 e dall’altro le vendite di immobili uso ufficio e degli immobili inseriti nel ‘progetto Magnum’, il presidente Galateri responsabile della governance societaria si assumera’ tutti gli oneri e conseguenze”.

Per Lombardi “E’ almeno dal 16 febbraio del 2007 che il cda di Telecom Italia trascura di esaminare le evidenti operazioni compiute in conflitto di interessi nel periodo agosto 2001- febbraio 2007, di cui – tra le altre – e’ testimonianza l’ operazione New Entry di cui Telecom ha addirittura sopportato i costi nel proprio bilancio”. Asati ha provveduto, il 6 dicembre scorso, a inviare alla Consob e alla Procura di Milano tutti gli atti relativi all’eventuale conflitto di interessi di alcuni consiglieri.

16 CDP: CDA DELIBERA PRESTITI A REGIONI DI 1,1 MLD…
(Adnkronos) – Il cda della Cassa depositi e prestiti ha deliberato prestiti in favore di regioni per 1,1 miliardi, ‘finalizzati alla copertura finanziaria di spese per investimento’. Lo comunica in una nota Cdp in cui si informa che il consiglio di amministrazione ha ascoltato l’informativa relativa alle operazioni di rinegoziazione dei mutui 2010 e di permuta azionaria con il Mef.


17 GRUPPO COPPOLA: ‘AZIONI E BENI DISSEQUESTRATI NON SERVONO A PAGARE IL FISCO’…
(Adnkronos) – ‘Le azioni e i beni dissequestrati dal Tribunale di Roma sono rientrati nel pieno possesso del Gruppo Coppola e non sono stati utilizzati per il pagamento del Fisco che e’ stato finora effettuato con risorse e mezzi propri del Gruppo’.E’ quanto si legge in una nota del Gruppo in merito a notizie di stampa.

18 EDITORIA: ROMANI, PROROGA ‘TETTO’ PER TV? PENSO DI SI’…
(Adnkronos) – ‘Penso di si”. Cosi’ il ministro dello Sviluppo economico Paolo romani risponde ai giornalisti che gli chiedono se il governo intende prorogare i limiti antitrust per il possesso dei giornali da parte delle societa’ che possiedono reti tv come chiesto dall’Agcom in una lettera inviata all’esecutivo. Una proroga di questo tipo ‘potrebbe essere inserita nel milleproroghe’, precisa il ministro.

Il riferimento e’ alla scadenza della norma contenuta nella legge Gasparri del 2004, che prevede che soggetti proprietari di emittenti “non possano, prima del 31 dicembre 2010, acquisire partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani o partecipare alla costituzione di nuove imprese editrici di giornali quotidiani”.

19 ENEL: GNUDI, ANNI DIFFICILI MA ABBIAMO FATTO SCELTE GIUSTE…
(Adnkronos) – “Sono stati anni difficili ma l’Enel ha fatto le scelte giuste”. Ad affermarlo, in occasione del brindisi con la stampa, e’ il presidente dell’Enel, Piero Gnudi. “Non e’ piu’ una crisi mondiale ma europea, soprattutto sud-europea”, sottolinea Gnudi evidenziando quindi l’importanza per il gruppo “di essere presente in Sud America e in Russia, aree che hanno ritmi di crescita degli anni ’50: hanno avuto la crisi ma in due anni hanno recuperato mentre noi i livelli del 2007 li avremo nel 2015 se ci va bene”, aggiunge Gnudi.

logo BPM

20 INTESA SP: ENTRA A FAR PARTE DEL CROSS BORDER RENMIMBI TRADE SETTLEMENT…
(Adnkronos) – Intesa Sanpaolo ha ottenuto l’autorizzazione a far parte del Cross Border Renmimbi Trade Settlement. Il gruppo potra’ ora effettuare operazioni cross border in Renmimbi (Rmb), sia dall’esterno, attraverso le filiali di Hong Kong e Singapore, sia dall’interno attraverso la filiale di Shanghai, mettendo a disposizione della propria clientela Corporate una gamma di prodotti in Rmb: conti correnti, incassi e pagamenti, servizi di cambio e copertura cambio, depositi a tempo, trade finance ed emissione di bond e lettere di credito.

21 TELECOM: BERNABE’, CON RIDUZIONE PREZZI DEL 29% C’E’ STATA ESPLOSIONE TRAFFICO…
(Adnkronos) – Non c’e’ tanto un calo dei consumi in Italia ma una paura diffusa perche’ “non si capisce come si esce da questa crisi che e’ la piu’ grave in Italia dal ’34”. E’ l’amministratore delegato di Telecom Italia, Franco Bernabe’, a leggere in modo diverso quello che e’ stato chiamato un ‘calo del desiderio’ dei consumatori italiani.

“Da dieci anni -dice- il paese non cresce: il Pil pro capite e’ il 15% in meno del ’99 ed allora si consumava. La verita’ e’ che la gente ha paura non mancanza di desiderio”. Una prova di questo ragionamento l’ad la indica nel fatto che quando “Telecom ha ridotto del 29% i prezzi c’e’ stata una esplosione del traffico telefonico”:

A giudizio di Bernabe’, dunque, “ci vuole un cambiamento strutturale e all’esito di questo cambiamento strutturale l’economia riprende”.

22 BANCO POPOLARE FINANZIA I SEGRE, CON IL PEGNO MEDIOBANCA
M. Ger. per il “Corriere della Sera” – Cento milioni di euro sul fronte corporate; un conto titoli carico di azioni Mediobanca sul fronte private. Tra la famiglia Segre e il gruppo Banco Popolare i rapporti sono assai stretti e passano principalmente dalle controllate Popolare Novara e Popolare Lodi. È di un mese fa la chiusura di un contratto di finanziamento da 100 milioni di euro tra l’Ipi della famiglia Segre e le due banche popolari che contestualmente hanno ipotecato una serie di immobili del Lingotto di Torino (parcheggi, magazzini, uffici, l’hotel 5 stelle «Art+Tech» , ecc.).


I soldi (75 milioni erogati da Novara, il resto da Lodi) servono a rifinanziare l’indebitamento a breve e a sostenere l’esigenza di cassa del gruppo. Ipi era il braccio operativo di Fiat nel settore immobiliare, poi ceduto nel 2004 all’immobiliarista Danilo Coppola e rilevato dai Segre nel 2009. Il fronte privato dei rapporti Banco Segre riguarda invece un deposito titoli piuttosto corposo che Franca Bruna Segre gestisce alla Popolare Novara. In quel dossier la storica commercialista di Carlo De Benedetti avrebbe un investimento di svariati milioni di euro solo in titoli Mediobanca. E anche quei titoli sarebbero in pegno alla banca.

23 UNIPOL, ADDIO AL VILLAGGIO TURISTICO…
M. Ger. per il “Corriere della Sera” – Nel bilancio Unipol-Ugf quasi non si vede, annegata nei grandi numeri. Adesso quella strana partecipazione è stata venduta. A Bologna i dirigenti del gruppo liquidano l’operazione («non conclusa» , dicono loro) come un dettaglio, facendo finta di saperne poco o nulla. Eppure per presidiare il 49%detenuto nel Villaggio turistico Città del Mare a Terrasini in provincia di Palermo, si è scomodato Milo Pacchioni, amministratore delegato e vicepresidente di Holmo e Finsoe, ovvero le holding cui fa capo la finanza targata Legacoop, Unipol in testa. E il presidente del Villaggio turistico è tuttora Claudio Albertini, numero uno della quotata Igd e in prima fila tra i manager Unipol.

ibe44 carlo debenedetti mini2

Era da un po’ che a Bologna volevano disfarsi della partecipazione, in condominio tra l’altro con l’immobiliarista Vittorio Casale e altre finanziarie cooperative. E poi gestire un villaggio di 21 palazzine per 800 camere con varie piscine, 3 ristoranti, 2 pizzerie, 4 bar ecc. non era il mestiere di Unipol. La merchant del gruppo aveva provato a venderlo già nel 2008, senza successo. Poi sono cominciati litigi furibondi con il proprietario degli immobili e delle infrastrutture, una società posseduta in parte da Pirelli Re. Lavori straordinari non rimborsati, canoni d’affitto non pagati, decreti ingiuntivi, cause civili.

Ma almeno ci sono state soddisfazioni economiche per la gestione? Zero: Albertini e Pacchioni hanno presentato gli ultimi tre anni di bilanci in perdita, 2,6 milioni su 11 di fatturato solo nel 2009. Quindici giorni fa, con un’operazione di «osmosi» cooperativa e la benedizione esplicita di Legacoop nazionale, la gestione del Villaggio turistico è passata per 3,9 milioni di euro (già pagati con nove assegni circolari) al Gruppo Turistico Mediterraneo spa, espressione di alcune cooperative siciliane. E metà di quella cifra è servita per transare con il proprietario degli immobili. Così, Unipol ha chiuso con la gestione dei villaggi turistici.

 

 

 

 

Source

“https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/borse-europee-calo-paura-spagna-scarparo-vende-quote-tod-21088.htm”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐


La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Mi piace:

Mi piace Caricamento…



Source

“https://www.newsadesso.info/news/2021/09/16/borse-europee-in-calo-paura-per-la-spagna-lo-scarparo-vende-quote-e-tods-crolla-dell892-governo-liberista-de-che-italia-sempre-piu-tar-tassata-citycar-elettrica-maccagnani/”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: